Invecchiamento nello xeno-verse

Come abbiamo visto in un articolo precedente, la luce è uno dei parametri fondamentali del colore; come sua sorgente principale, quindi, il sole è il fulcro con il quale i fenomeni ottici vengono studiati.

Come rovescio della medaglia, però, c’è un piccolo problema: la luce solare non è composta unicamente da radiazioni nel campo del visibile, e sulla terra arrivano principalmente anche radiazioni IR e, nonostante la protezione dell’atmosfera terrestre, UV.

Le radiazioni UV sono all’incirca il 7% della radiazione solare, ma influenzano un fenomeno molto importante: il deterioramento del colore.

Guardando una parete sempre esposta al sole, noteremmo, infatti, che nelle zone che rimangono coperte durante la fase diurna, come dietro ad ante o sotto una tettoia, si hanno delle aree di differente colore.

Questo perché la luce UV interagisce con i pigmenti e le resine dei prodotti vernicianti provocando ingiallimenti o sbiancamenti.

Verrebbe da chiedersi allora se i prodotti per esterno siano in qualche modo testati per ovviare questo problema… La risposta è si anzi, un test di invecchiamento in esterno di un oggetto è necessario affinché si possa simulare il deterioramento dei prodotti, in modo da avere chiaro il comportamento di questo una volta immesso sul mercato.

Come posso avere una simulazione a lungo termine senza restare mesi e mesi in attesa del risultato che il più delle volte può non soddisfare le aspettative?

Esistono Test di Invecchiamento Accelerato, certificati e standardizzati, che permettono di avere come risultato una simulazione dell’esposizione all’esterno ma in un tempo più breve e tutto in laboratorio.

Che vantaggio può portare questo test rispetto all’esposizione diretta dei campioni all’esterno?

Principalmente 3:

  • replicabilità del Test, con parametri standardizzati chiunque può verificare la veridicità dei test, portando all’ottenimento di certificazioni di qualità;
  • velocità, ottenendo i risultati che altrimenti necessiterebbero di mesi per essere valutati;
  • interno all’azienda: permettendo al team di analisi di poter valutare l’andamento dell’invecchiamento passo a passo e non solo prima e dopo l’invecchiamento.

In tutto ciò ci viene in soccorso un atomo molto particolare: lo XENO

Lo xeno appartiene al gruppo dei Gas Nobili, ed è normalmente considerato un elemento a valenza zero, che non forma quindi composti in situazioni standard. Per il test che andremo ad analizzare questo elemento è fondamentale.

Lo XENO-TEST, infatti, è uno strumento in grado di effettuare test ad invecchiamento accelerato, sfruttando una luce simile a quella solare ma con irraggiamento controllato (Lampada allo Xeno), simulando la degradazione di un campione in un ristretto numero di ore di esercizio.

Approfondiamo meglio… Una lampada allo Xeno, posizionata nella zona superiore dello strumento, emette una radiazione luminosa ad alta potenza e intensità, permettendo un irraggiamento massiccio ma controllato dei provini da analizzare, velocizzando la degradazione rispetto all’esposizione alla radiazione solare.

La radiazione passa nella cabina inferiore dove sono posizionati i campioni; le due aree sono isolate tra di loro per permettere non solo il posizionamento di filtri ottici per avere test con parametri particolari (un esempio sono i filtri WINDOWS che servono per simulare l’interazione della luce che passa attraverso le finestre), ma è richiesta soprattutto per permettere l’introduzione di acqua (tramite un apposito supporto) per la simulazione di pioggia, umidità e rugiada, fattori di corrosione che rendono più severo il test.

Quindi come avrete capito attenzione a stare troppo il sole in vacanza… Rischiereste un invecchiamento accelerato che penso nessuno voglia!

Nicolò Guerini

Tecnico del Colore specializzato in prodotti per la verniciatura delle pavimentazioni.Diplomato in Chimica a Bergamo e specializzato presso Fondazione ITS per le Nuove Scienze per la Vita. Grande amante della scienza in tutte le sue forme.

Bibliografia:

  1. Q-LAB Manual Q-SUN Xe-1;
  2. IMCD Weathering 101: Nozioni base sui Test di Invecchiamento Accelerato e Stabilità alla Luce;
  3. Immagine Q-SUN Xe-1 per gentile concessione di Q-Lab / IMCD Italia.

Lascia un commento

Chiudi il menu